Aree di intervento



Medici – una disciplina che offre un corpo di intuizioni profonde rispet­to ai processi naturali di guarigione e un ventaglio di metodologie e tecniche applicabili nel proprio contesto lavorativo. Un ampio e det­tagliato confronto inter-culturale dei metodi e modelli di guarigione energetica, con riferimenti concreti alla ricerca e alle documentazi­oni scientifiche esistenti. Una esperienza formativa delle proprie ca­pacità sensoriali di percezione dello stato di salute della persona. Un percorso pratico di familiarizzazione e trattamento dei processi della fisiologia energetica che possono determinare l’emersione della pa­tologia e/o il ripristino della salute.

Fisioterapisti-Terapisti della riabilitazione – uno strumento sofisticato e lungamente collaudato che integra le capacità palpatorie e ma­nipolatorie già acquisite. Sviluppare l’abilità percettiva attraverso il percorso Craniosacrale Biodinamico permette una relazione più chi­ara e precisa con le forze che organizzano i disturbi e le tensioni. I trat­tamenti diventano spesso più efficienti ed efficaci. Particolare enfasi viene dedicata al trattamento della fascia e del tessuto connettivo attraverso modalità che permettono trasformazioni profonde.

Counselor ed educatori – il  Craniosacrale si fonda sull’ascolto profondo dell’altro. L’ascolto profondo della vita interiore, dei ritmi e delle forze che la organizzano. Particolare enfasi viene ded­icata alle capacità di risoluzione di esperienze traumatiche e di shock attraverso le capacità verbali e soprattutto attraverso capacità pal­patorie fisiche ed energetiche. Oggi giorno la disciplina Biodinamica sta trovando ampia diffusione nel mondo del counseling e della psi­cologia sia negli Stati Uniti che in Inghilterra.

Infermieri – già utilizzato in molti ospedali ed istituzioni sanitarie nel mondo, offre un sostegno concreto nell’ affrontare situazioni di sof­ferenza e di difficoltà. Diversi programmi pilota sono già stati avviati in aziende ospedaliere italiane. Oltre ad essere uno strumento di prevenzione e di potenziamento della vitalità, aiuta a costruire risorse fisiologiche che migliorano le capacità di recupero nella fase  post-operato­ria e post-traumatica.

Psicoterapeuti e psicologi – una difficoltà che vivono diverse figure professionali, nel campo sanitario, medico e non medico ,  è quella di non sapere esattamente da dove iniziare. Il problema non è tanto quello di iniziare, ma di comprendere realmente quale siano la prior­ità per l’individuo e in che ordine trattarle. La capacità di percepire le priorità della fisiologia energetica (che organizza e sta a monte della dimensione fisica e psichica) permette di agire in diretta corri­spondenza e sincronia con il bisogno primario dell’individuo e delle sue diverse stratificazioni. La comprensione ed abilità nel trattare la matrice originaria offre uno strumento di valore, applicabile nei pro­pri percorsi terapeutici.

Operatori Discipline Bionaturali – La Biodinamica Craniosacrale pre­senta una comprensione e modalità di trattamento della fisiologia energetica che spazia dal sistema dei meridiani classici a quelli straordinari/meravigliosi integrando conoscenze antiche provenien­ti dalle medicine tradizionali. Il metodo è facilmente incorporabile in trattamenti di tipo shiatsu, reiki, feldenkreis, bmc, pranoterapia, e altri approcci simili basati sul contatto con la struttura energetica.

Ostetriche – Lo studio dello sviluppo embrionale, il trattamento di dinamiche pre-natali e di dinamiche di parto offre uno strumento prezioso per aiutare, i genitori, la mamma e il bambino a vivere al meglio l’esperienza di venire al mondo. Il craniosacrale bio­dinamico si dimostra particolarmente utile per trattare le esperienze irrisolte e le dinamiche di sofferenza (fisica e psicosomatica) colle­gate all’esperienza pre-natale e di nascita.

Dentisti e posturologi – il principio olografico ci dice che ogni parte del nostro corpo è collegata ad ogni altra parte. Gli equilibri den­tali, posturali e craniosacralI sono in una relazione diretta e d’inter­scambio. L’abilità del trattamento craniosacrale amplia e migliora l’efficacia del lavoro dentale spesso prevenendo i disagi e gli effetti indesiderati che possono risultare dagli interventi più invasivi. Parti­colarmente utile nei bambini.

Estetisti e operatori del benessere – possono trovare nella biodinami­ca un valido strumento da integrare ai trattamenti che già offrono.