Deprecated: woocommerce_params è deprecata dalla versione 3.0.0! Utilizzare al suo posto woocommerce_get_script_data. in /home3/qdcranio/public_html/wp-includes/functions.php on line 5088

Consapevolezza e Interconnessione, Integrazione orizzontale

Realizzare l’integrazione tra emisfero destro ed emisfero sinistro, 
Webinar con Luisa Brancolini,
15 Ottobre ore 20,00

Nella nostra società veniamo preparati a risolvere i problemi ricorrendo al linguaggio e alla logica, ma spesso questa modalità si è rivelata poco efficace.

Numerosi studi neuroscientifici sostengono invece l’importanza dell’integrazione come un approccio per creare sostenere  il benessere nelle nostre vite e nelle nostre relazioni, si tratta di una capacità che può essere appresa e approfondita nella quotidianità momento dopo momento attraverso la nostra intenzione.

Favorire la sinergia tra  due emisferi cerebrali è di fondamentale importanza per  condurre una vita equilibrata, creativa e ricca di significato.

Ma come possiamo aiutare i nostri figli a usare entrambi gli emisferi del cervello?  Ecco due strategie che da applicare fin da subito per muovere i primi passi verso una maggiore integrazione:  

1 ENTRARE IN SINTONIA E REINCANALARE: CALVACARE LE ONDE DELLE EMOZIONI

2 NOMINARE PER DOMINARE CALMARE LE EMOZIONI INTENSE LEGATE AD UN EVENTO RACCONTANDO LA STORIA DELL’ACCADUTO

Consapevolezza e interconnessione

2- Integrazione orizzontale – Realizzare l’integrazione tra emisfero destro ed emisfero sinistro

Il cervello destro e quello sinistro hanno funzioni distinte ma complementari. L’emisfero destro si sviluppa precocemente, è olistico e influenzato più direttamente dal corpo e dalle regioni inferiori del cervello, inoltre è il regno dell’immaginazione, del linguaggio non verbale e della memoria autobiografica. L’emisfero sinistro si sviluppa più tardi nella vita, è responsabile della logica, ama l’ordine e desidera realizzarlo, inoltre è lineare, letterale e linguistico. Attraverso la neuroplasticità è possibile migliorare l’integrazione cerebrale. 

Il benessere emerge quando creiamo connessioni nelle nostre vite. Che cos’è l’integrazione e perché è importante.

L’integrazione ci permette di essere flessibili e liberi, è un processo attraverso il quale elementi distinti sono collegati a formare un tutto organizzato. La sua funzione è quella di coordinare ed equilibrare molteplici aree del cervello collegate fra di loro, il modo in cui avviene è affascinante. L’integrazione è al centro del modo in cui stabiliamo connessioni sane gli uni con gli altri, onorando le rispettive differenze individuali e mantenendo aperte le linee di comunicazione. L’armonia nasce dall’integrazione. Negli ultimi anni sono state sviluppate tecnologie diagnostiche che hanno evidenziato la plasticità del cervello, ossia la capacità di essere modellato dall’esperienza, non soltanto nell’infanzia, ma per tutta la vita. Le emozioni che proviamo, la musica che ascoltiamo, le esperienze che viviamo influiscono profondamente sul modo in cui si sviluppa il nostro cervello. L’integrazione riguarda la creazione e la modifica delle connessioni cerebrali. Daniel Siegel definisce integrazione la capacità di fluire nel fiume del benessere. Ci sono diversi domini dell’integrazione, fondamentali per la trasformazione personale e per il benessere. Il modo in cui ognuno di noi fa esperienza di un senso di sé stesso  è plasmato direttamente dal grado di integrazione in questi domini.

Luisa Brancolini